White T-shirt, storia di una maglietta

1

Non esiste negozio (anche online) dal quale io esca senza aver acquistato almeno una t-shirt bianca. In realtà, probabilmente per questo motivo, ne possiedo una vera e propria collezione ed ho scoperto di non essere l’unica.

Si tratta di un capo prevalentemente maschile, creato nel 1913 per vestire, in maniera pratica e comoda, i marines della Marina Militare Americana. Oggi è un capo iconico che ha compiuto 100 gloriosi anni. Indossato dai più celebri rapper e, in alcuni casi, persino disegnata e venduta da questi. Un esempio? La plain white t-shirt realizzata da Kanye West e venduta, online, ad un prezzo (per nulla appropriato all’offerta) di 120 dollari.

La semplicissima t-shirt di Kanye West è andata a ruba, ma non è l’unica maglia bianca sul mercato. Per le donne è vendutissima la versione boyfriend perché, come anticipato, questo sembra essere un capo rubato dal guardaroba di lui. Le modelle ne vanno matte, loro che sono belle in modo assurdo, possono permettersi di uscire con una semplice maglia bianca ed un paio di skinny ed essere già la perfezione che cammina su sneakers o tacco 12. Per gli uomini invece si tratta del capo d’abbigliamento più versatile che ci sia!

Sneakers, denim e t-shirt bianca? Approvato.

Pantalone cachi, t-shirt bianca e blazer? Approvato.

Qualunque sia la natura stilistica dei vostri outfit, una maglia bianca renderà onore al vostro personalissimo gusto in fatto di moda. Che vi ispiriate a James Dean o Ne-Yo poco importa, la manica arrotolata e l’orlo un po’ sdrucito doneranno alla vostra t-shirt bianca quel tocco in più di vita vissuta, abbinato ad una sneakers degnamente sporca.

Federica Guarneri scrive di moda e celebrities su fashionapartment.blogspot.it

Photo Credits: weheartit

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone

Formato pocket di una fashion blogger, 154 centrimetri di bipolare simpatia. Instagramma la sua vita tra un post e l'altro, scrive per numerosi network e non ha ancora superato il fatto di essere uscita dall'adolescenza. Una passione viscerale per sneakers e street-style, un manuale per diventare "fescion" blogger pubblicato nel 2012, legge tanto, cucina benissimo, non sa andare in bicicletta.

Be first to comment