Print Show #3 – Shepard Fairey (Obey)

the_protester

Print Show 3
Shepard Fairey (Obey)
fino al 30/03/2013
 
[dropcap1]S[/dropcap1]i chiama Shepard Fairey, ma è universalmente riconosciuto come Obey. Ha passato la quarantina, ma a guardarlo dritto negli occhi o mentre lavora potrebbe benissimo essere scambiato per un giovane skater qualunque. In realtà è uno dei massimi esponenti della street art e al contrario dell’amico e collega Banksy non si nasconde al resto del mondo. Nonostante le sue affissioni restino in parte abusive, persino Barack Obama conosce il suo domicilio e subito dopo le elezioni presidenziali del 2008, il neo eletto presidente, non indugiò un solo attimo a inviare una lettera di ringraziamento all’indirizzo dell’artista. “Ho il privilegio di essere parte della tua opera d’arte e sono orgoglioso di avere il tuo sostegno“.

Queste le parole di Obama rivolte a Obey, che proprio in occasione della campagna elettorale realizzò gli arcinoti manifesti col volto del leader democratico in quadricromia. Obey però non è solo amato dalle più alte cariche dello stato. La cultura skate della fine degli anni Ottanta lo porta ben prima a realizzare sticker e manifesti per alcune band punk hardcore del periodo, poi, come spesso accade, le voci iniziano a girare e Obey si ritrova presto al lavoro per Public Enemy, Cult, Led Zeppelin, Henry Rollins e molte altre realtà. Dopo l’esposizione milanese alla galleria Federica Ghizzoni dello scorso anno, il lavoro dell’artista americano vi aspetta per tutto il mese di marzo nella capitale, alla galleria Mondo Bizzarro. In mostra una selezione di rare serigrafie stampate a mano su carta di collage mai esposte in precedenza in Italia accanto a soggetti famosi e a opere più recenti come la celebre The Protester realizzata a sostegno di Occupy Wall Street.

 
Mondo Bizzarro Gallery
Via Sicilia 251 – 00187 Roma
tel/fax 06 44247451
info@mondobizzarrogallery.com
Apertura: mar/sab h. 15 – 20
www.mondobizzarrogallery.com 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone

Be first to comment