Musica, quando la copertina diventa trash!

melba

Io sono una di quelle persone nostalgico-romantiche, una di quelle che vorrebbe tirar fuori il Super Nintendo e giocare tutto il pomeriggio, mangiando pane e nutella e ascoltando le canzoni di Non è La Rai.

Per me gli anni ’90 sono tutto e quando ho visto arrivare sul mio iphone un’immagine di Marisa Laurito (una delle mie icone) con tanto di cuoricino sulla guancia e titolo Marisa and the Diamonds, stavo per collassare. Incontrai Marisa due estati fa, ci abbracciammo e lei poco dopo mi scrisse su Twitter che ero “molto bella”. Da quel giorno il mio amore per questa donna fu ancora più forte e radicato e oggi amerei vederla sulla copertina di un cd di successo.

lauritoAd ogni modo, ero talmente presa dal divertimento che non ho neanche chiesto al mio amico dove avesse recuperato questa foto. Dopo quasi un mese però è arrivato in aiuto il mio trash-scout, scopritore di trashate uniche in giro per il web (grazie Angelo, grazie!) e mi ha catapultata nel mondo assurdo e assolutamente non-sense di Alt-Gegia.

Un tumblr  divenuto anche fanpage Facebook nel quale le copertine dei dischi di successo, da Michael Jackson a Lorde, si trasformano in una passeggiata tra i canali tv made in Italy, dal 1980 ad oggi.

Le parole servono a poco, la vera forza di Alt-Gegia sono le immagini ed è per questo che vi lascio con una carrellata di successi!

ribasbertemelbaFederica Guarneri scrive di moda e celebrities su fashionapartment.blogspot.it

 In foto, in ordine:

Ana Laura Ribas VS MIA

Loredana Bertè VS Lorde

Melba Ruffo VS Carly Rae Jepsen

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone

Formato pocket di una fashion blogger, 154 centrimetri di bipolare simpatia. Instagramma la sua vita tra un post e l'altro, scrive per numerosi network e non ha ancora superato il fatto di essere uscita dall'adolescenza. Una passione viscerale per sneakers e street-style, un manuale per diventare "fescion" blogger pubblicato nel 2012, legge tanto, cucina benissimo, non sa andare in bicicletta.

Be first to comment