DONNE, DU DU DU

p_smith

[iconbox title="Laura Gramuglia" icon="audio-input-microphone.png"][/iconbox]

[dropcap1]N[/dropcap1]on siamo solo in cerca di guai o dolcemente complicate. C’è un’intera gamma di emozioni che la musica ha saputo descrivere in maniera egregia. Solo che a volte ci sfugge il titolo o quel passaggio fondamentale che… com’è che fa? Nessun problema, a voi dieci brani che descrivono bene diversi turbamenti dell’animo femminile. Così magari la prossima volta al vostro lui (o alla vostra lei) gliene potete cantare quattro, anche se vi mancano le parole. 

 

Bjork – Declare Independence


In questi giorni il suo volto nell’ultimo video Mutual Core compare spesso a Times Squre. L’artista islandese non ha mai avuto paura di mostrare o cantare ciò in cui crede. Come quando, anni fa, si presentò alla cerimonia degli Oscar con indosso un singolare vestito a forma di cigno o come in questa canzone, nella quale incita a dichiarare indipendenza e a non permettere a nessuno di ostacolarci. Più chiara di così.

 

M.I.A. – Paper Planes


Qui abbiamo a che fare con una ragazza a cui non importa nulla della ricrescita, per lei contano idee chiare su desideri e aspirazioni. La ragazza, crescendo, ha scoperto di avere nel mondo ammiratori e ammiratrici che la pensano esattamente come lei. Mia ci regala senz’altro il pezzo più adatto per lasciarci un po’ andare sole, davanti allo stereo dopo una lunga, estenuante, giornata di lavoro spesa soprattutto in chiacchiere inutili tra colleghi.

 

Norah Jones – Sunrise


Un brano che non racconta nulla in particolare se non la nascita e la fine di un giorno. Un brano forse povero d’intenzioni, ma che ha il potere di metterci in pace col mondo. Eccola qui servita la canzone da canticchiare in macchina, sottovoce sui mezzi pubblici, alla scrivania, ai fornelli prima che il nostro partner alzi il volume della partita. Pazienza, tanto domani ci sarà una nuova alba.

 

Amy Winehouse – Rehab


A volte ci sentiamo quasi costrette a fare qualcosa che non ci piace e tutto per accontentare chi ce lo chiede. Ora, tutti d’accordo nel constatare col senno di poi che Amy Winehouse avrebbe fatto meglio a mettere in fila un bel po’ di si al posto dei no quando il padre le chiedeva di farsi ricoverare in un centro di disintossicazione. Bene, senza immedesimarci troppo, ecco servito un brano pronto a ricordarci che, a volte, qualche no possiamo pure pronunciarlo.

 

Lana Del Ray – Videogames


Lana è una donna che turba, nel bene e nel male. Ti chiedi se sia vera o finta, se sia una bellezza naturale o se il suo aspetto sia frutto di sapienti bisturi. È dunque normale domandarsi se anche quelli che descrive e interpreta siano sentimenti veri o se in realtà ci stia soltanto prendendo in giro. Come quando in questo brano canta che farebbe di tutto per il suo uomo, ma che in fondo rimane sempre una cattiva ragazza. Le crediamo?

 

Cindy Lauper – Girl Just Want To Have Fun


Il brano perfetto che a ogni party dovrebbe essere sempre ballato e cantato a squarciagola insieme alle amiche. Un evergreen che contende lo scettro a Material Girl di Madonna. Per le più giovani due hit che potete tranquillamente rubare dallo scaffale di mamma e poi tornare all’ascolto di Katy Perry, Rihanna e Lady Gaga con una marcia in più.

 

Alanis Morissette – Ironic


A metà degli anni Novanta si affaccia alla musica una giovinetta con un intero album frutto del suo cuore spezzato. La diciannovenne Alanis, lasciata dal suo ragazzo, piuttosto che consumarsi in lacrime, email e tweet di soli 140 caratteri, scrive diverse canzoni e ognuna invia un chiaro messaggio all’indirizzo dell’ex. Fortunatamente, a volte, la nostra eroina si fa pure una bella risata.

 

Patti Smith – Frederick


Avete mai ricevuto una dichiarazione d’amore? Una di quelle con tutti i crismi del caso, belle parole, mazzi di fiori, cioccolatini e bijoux? Bene, se si, cestinatela o mettetela da parte perché per scrivere un pezzo del genere al suo uomo, Patti Smith deve avere senz’altro ricevuto la dichiarazione d’amore per eccellenza, quella con la D maiuscola.

 

Ani Di Franco – Not A Pretty Girl


Immaginate il vostro matrimonio o se siete già sposate provate a ricordare quel momento in cui ve ne stavate lì, di fronte a lui, con il vostro abito da sposa. La cerimonia è conclusa, ma voi sentite comunque l’urgenza di essere oneste fino in fondo. Vi prendete cinque minuti e intonate questo brano al vostro neo maritino. Non siete esattamente una brava ragazza, o meglio, non siete esattamente una donna che da oggi in poi sopporterà regole impartite da un uomo e ci tenete a farglielo sapere. Meglio tardi che mai.

 

Fiona Apple – Never Is a Promise


Per la nostra protagonista pare che le cose si complichino da subito e si arrestino alla voce incomprensione. A volte ci sembra tutto così chiaro, ma poi scopriamo che chi ci sta accanto non ha capito nulla. Che rabbia! E ora? Siamo noi a non esserci spiegate bene, ad avere dato tutto per scontato o sono gli altri che di noi non hanno capito nulla? In effetti si, siamo così dolcemente complicate…

 

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone

Da bambina credeva che suo padre fosse John Lennon, poi ha capito che quelle appese alle pareti non erano foto di famiglia, ma copertine di dischi. Nei suoi dj set non mancano mai Patti Smith, Smiths, ed Elliott Smith. È convinta che prima o poi toccherà a lei diventare la nuova signora Jagger. Vive tra Bologna, Milano e Roma, è stata tra i conduttori di Weejay a Radio Deejay. Scrive di musica e stile su Tu Style Magazine e sul blog Deejaynellarmadio. Rock In Love, 50 storie d’amore a tempo di musica, è il suo libro, edito per Arcana, da cui è tratto l’omonimo programma in onda su Radio Capital.

1 Comment

  • Rispondi marzo 16, 2013

    Annarita

    Laura i tuoi articoli e le tue scelte musicali sono sempre rappresentative di emozioni e pensieri che ci accomunano tutti . Complimenti sei bravissima

Leave a Reply